Il Domani è solo nelle mani di Dio !

VIII Domenica - Anno A – 26 febbraio 2017

 

Mt 6, 24-34 Non preoccupatevi del domani

 

domenica26

Gesù ci invita ancora una volta a fare una scelta. E, come spesso accade, Egli lo fa con un vigore estremo. Noi abbiamo capito bene che il Regno di Dio è incompatibile con il regno di questo mondo. In quel Regno non si vende nulla. La vita è gratuita, come l’aria, come l’acqua. E colui che ha ricevuto gratuitamente, deve dare gratuitamente.

In questo mondo, invece, tutto si compra. Non solo. La prudenza raccomanda di essere previdenti e rapaci. Bisogna preparare l’avvenire, poiché è incerto.

Ma l’avvenire ci sfugge. Esso appartiene a Dio. Fare la scelta del regno di Dio, scegliere di servire Dio escludendo ogni altro padrone; significa anche rimettersi a lui per l’avvenire: avere fede in Dio, al punto di non preoccuparsi per l’avvenire.

Questa è la nostra ricchezza e il nostro tesoro. È più sicuro per noi che tutto l’oro del mondo. Avere dell’oro da parte è un modo di assicurare il proprio avvenire. Ma è pur sempre un avvenire sulla terra, cioè a breve termine. L’avvenire di cui parla Gesù è grande come l’eternità. Su questo avvenire non abbiamo nessuna presa. Poco importa. Dio stesso se ne preoccupa per noi. Gesù si incarica di “prepararci un posto”, come dice Lui stesso. Il nostro avvenire è in buone mani. È sicuro. Perché farci tante preoccupazioni?

Questo atto di fiducia, che Gesù esige, è anche una lezione di saggezza. Troppo spesso, con il pretesto di preparare l’avvenire, noi non viviamo più. Gesù è un maestro, non di noncuranza, ma di pacifica serenità.

Quanto ci inquieta il nostro futuro?

 

 P. Gaetano SARACINO, cs

rettore della MCI di Parigi (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

_______________________________________________________________________________________

N.B. Per gli avvisi parrocchiali vai a --> 

       Si ricorda che è possibile celebrare sante messe in suffragio dei vostri defunti.
       Rivolgersi a: segreteria della missione