Festa di Cristo, Re-Crocifisso (Lc 23,35-43)

24 Novembre 2013

N.S. GESU' CRISTO, RE DELL'UNIVERSO - Anno C

Come esempio di “regalità” il vangelo non ha paura di presentare la scena del Calvario: Gesù è in croce e molte persone sono, a diverso titolo, coinvolte.

Cristo Re-C

C'è il popolo, la gente comune, quasi senza identità, che assiste allo spettacolo: guarda, continua a guardare e continuerà a guardare. Questa gente non dice nulla, non fa nulla, non chiede spiegazioni, non si indigna, non si ribella. Dinanzi all’ingiustizia , dinanzi alla morte di un essere umano non reagisce e preferisce l’indifferenza, non essere disturbati, non sporcarsi le mani, non coinvolgersi.

Ma se la gente non fa niente non vuol dire che non sia responsabile di ciò che succede. E' proprio a cuasa dell’indifferenza, dello stare semplicemente a guardare che si compiono i crimini peggiori...

Poi ci sono i capi del popolo che prendono in giro e disprezzano Gesù. So quelli che sfruttano a loro vantaggio ogni tipo di situazione, anche le più tragiche. Fanno i loro interessi e sono pronti a scaricare sui deboli i loro istinti peggiori.

Sul calvario ci sono anche i soldati, che dietro le armi e la forza, nascondono l'ignoranza e l'ottusità delle persone. Credono credono di essere forti perchè hanno le armi, e invece sono alla mercé degli interessi dei loro capi. E naturalmente per far piacere ai capi si diventa sempre più insensibili e feroci.

Infine ci sono i due malfattori. Uno è arrabbiato con la vita, con Dio e con tutti, come se fosse colpa degli altri la sua sorte. E quindi si sente legittimato a scaricare su Gesù tutto l'odio e la rabbia per la sua vita.

L’altro malfattore, pur vivendo una situazione disperata, capisce e accoglie Gesù perchè riconosce il suo errore e chiede perdono. Tutti gli altri chiedono a Gesù che si salvi e cosi’ indichi la via... Questo malfattore guarda a sé, alle sue responsabilità alle sue scelte. Infatti, la Salvezza è riconoscere il proprio errore, la propria non-luce, la propria cecità; salvezza è aprire gli occhi per poter cambiare se stessi e, quindi, il mondo.

E noi da che parte ci schieriamo?

Padre Lorenzo c.s.

N.B. Per gli avvisi parrocchiali vai a --> 

N.B. Per le informazioni sulla comunità italiana di Saint Germain en Laye vai a -->

       Si ricorda che è possibile celebrare sante messe in suffragio dei vostri defunti.
       Rivolgersi a: segreteria della missione