La passione secondo Luca (22,14-23.56)

 
Domenica, 24 marzo 2013
 

Carissimi amici della Missione italiana di Parigi,

Nel racconto della Passione secondo Luca, Gesù è colui che comprende tutti, che si preoccupa di tutti, che perdona perfino i suoi aguzzini (23,34) e promette il paradiso al ladrone pentito (23,43).

Gesù per Luca è colui che capisce i suoi nemici che agiscono così perché vivono nel buio e nelle tenebre...

In fondo, la gente è cattiva non perché sia cattiva, ma perché dentro è arrabbiata; la gente è nervosa, suscettibile, tesa come le corde di un violino,palme perché dentro è inquieta e non riesce a dar voce alle proprie paure; la gente giudica inflessibilmente perché non conosce la misericordia con sé stessa, non conosce la tenerezza, non conosce l'amore; la gente disprezza gli altri e umilia perché non sa vedere dentro il cuore degli uomini.

Gesù li perdona non perché è giusto ciò che fanno. Gesù li perdona perché sono ciechi, perché scambiano il male per il bene e il bene per il male; credono di essere religiosi e invece sono increduli; credono di rendere omaggio a Dio e uccidono suo Figlio; credono di sapere e vivono nell'ignoranza totale. Credono di essere liberi e, invece, sono così condizionati che neppure se ne accorgono. Credono di essere i padroni della loro vita e invece non si rendono conto della loro pochezza. Credono di conoscersi, ma non sanno dire cosa e chi sono…

Anche quest'anno ci accostiamo alla lettura della passione… Anche quest'anno ci parlerà in maniera diversa; ci identificheremo più in un personaggio che non in un altro; emergerà più forte un sentimento che non un altro…

Padre Lorenzo c.s.

N.B. Per gli avvisi parrocchiali vai a --> 

N.B. Per le informazioni sulla comunità italiana di Saint Germain en Laye vai a -->

       Si ricorda che è possibile celebrare sante messe in suffragio dei vostri defunti.
       Rivolgersi a: segreteria della missione